Caricabatterie wireless per Iphone: migliori prodotti di Maggio 2021, prezzi, recensioni

Sono sempre di più gli smartphone che appoggiano la ricarica wireless. Sono alcuni anni che le case  hanno iniziato a lanciare sul mercato dei cellulari che oltre al tradizionale  cavo microUSB o Lightning (nel caso degli iPhone) supportano la ricarica a induzione. Una delle ultime aziende a dare questa occasione ai propri utenti è stata la Apple, che ha attivato ancor più la ricarica wireless. Ma quale è il privilegio della ricarica a induzione rispetto a quella tradizionale con il cavetto?  Nella ricarica wireless lo smartphone non deve essere congiunto al cavo microUSB o Lightning, ma basta collocarlo sullo stand per far avviare la ricarica.

Così facendo lo smartphone può essere usato senza nessun tipo di ostacolo. Nonostante siano molte le case produttrici ad aver lanciato sul mercato degli cellulari che sostengono la ricarica wireless, nessuno ha finora introdotto all’interno dello scatolo un caricatore ad induzione. Se qualche persona volesse adoperarla è necessario comperarne uno in qualche punto vendita attraverso l’ e-commerce. E come selezionare il caricatore wireless per il proprio smartphone? Quali sono le peculiarità da tenere in considerazione?

Ricarica per Iphone

Tutti gli smartphone presenti sul mercato che sostengono la ricarica a induzione adoperano lo standard Qi. È stato ideato dal Wireless Power Consortium nel 2008 e quindi scelto da centinaia di aziende del settore.

Anche Apple ha deciso di far parte al Wireless Power Consortium. La ricarica a induzione ha un meccanismo abbastanza facile e prevede l’utilizzo di magneti che generano un flusso elettromagnetico partendo dallo stand di ricarica e arrivando allo smartphone.

Le radiazioni prodotte dal caricatore wireless non sono nocive per uomini o animali. L’unico impasse della ricarica a induzione è il raggio di funzione del caricatore: lo smartphone non può trovarsi a una distanza che superi i 4 centimetri dalla base. Affinché uno smartphone supporti la ricarica wireless è necessario che sia composto  da un materiale che non vada a disturbare il flusso elettromagnetico. Per questo motivo Apple ha deciso di adoperare il vetro nella parte retrostante del proprio smartphone.

Ricaricare più device in contemporanea

Per ricaricare smartphone e auricolari Bluetooth non bisogna obbligatoriamente adoperare un cavo per ogni elemento perdere tempo a reperire quello giusto. In questi casi si può scansare tale confusione con un caricabatterie wireless dal prezzo moderato. Ovviamente se si vogliono alimentare più device contemporaneamente, ci si dovrà disporre almeno verso una variante di costo medio, magari usando una speciale promozione.

Quando si ha a che fare con congegni elettrici è giusto volersi accerchiare di prodotti dotati dei migliori dispositivi di sicurezza; sistemi di protezione capaci di allontanare il verificarsi di eventuali fenomeni di sovratensione, sovracorrente o  surriscaldamento. Così si sarà liberi di lasciare il cellulare a caricare per ore senza fargli patire danni causati da calore ed elettricità.

Se la propria scrivania è affollata da oggetti, per essere sicuri di non muovere accidentalmente lo smartphone durante la carica può essere pratico affidarsi a un caricabatterie di fascia bassa, purché sia munito della migliore stabilità. Un modello che possegga dei piedini in gomma antiscivolo e che sia accerchiato all’esterno da un bordo in silicone mediante cui il cellulare rimarrà precisamente al centro persino qualora lo si dovesse spostare per sbaglio.

Chi aspira al miglior rapporto qualità prezzo, seppur mirando a una spesa contenuta, riuscirà a risparmiare parecchio con modelli targati Choetech. Infatti questi contengono ben 2 caricabatterie wireless, i quali concederanno di rifornire altrettanti device simultaneamente senza doverli alimentare uno dopo l’altro e dunque accelerando la procedura.

Ad esempio, per ricondurre telefonino e smartwatch al 100% della loro autosufficienza basterà appoggiare ciascuno di essi su una base.

Comprendere quale scegliere tra i tanti caricabatterie wireless può non essere facile per tutti. Spesso chi è al primo acquisto tende a lasciarsi condurre nella scelta da offerte e promozioni varie. Tuttavia i prezzi non sono l’unico elemento da valutare. In generale è rilevante verificare la compatibilità coi propri dispositivi e selezionare un design adatto all’ambiente in cui si intende collocarlo.

Sicurezza  delle apparecchiature

Congegni del genere, pur generando campi magnetici, hanno un  raggio d’azione limitato; le radiazioni emesse sono di poco conto e soprattutto inoffensive per persone e animali. Inoltre l’operazione di ricarica avviene in un tempo determinato, grazie a uno scambio di segnali regolare tra le apparecchiature compromesse. In pratica, la basetta riconosce se sopra di essa è stato collocato un apparato compatibile e in attesa di ricarica, e al contempo riconosce persino quando deve avvenire la procedura di conclusone dell’alimentazione, perché si è raggiunto il massimo livello.

Wireless in autovettura

In commercio vi sono caricabatterie wireless per autovetture da collocare sulle griglie d’areazione o da unire al vetro del parabrezza con una ventosa, mentre la presa di ingresso va collegata all’accendisigari con un adeguato cavo.

Tutte le basette sul mercato sono dotate di svariati sistemi di sicurezza come la osservazione di oggetti impropri ma anche il controllo della temperatura e la protezione da eventuali sbalzi termici o di tensione e di sovraccarico di corrente.

Back to top
menu
caricabatteriewireless.it